WONDER – 24 artiste/24 video/24 paesi – Videocollage a cura di FemLink-Art
Vernissage: Mercoledì 13 Dicembre ore 18.30

WONDER
24 artiste/24 video/24 paesi
Videocollage a cura di FemLink- Art  – the International Video Artists Collective
Curatrici: Veronique Sapin (F) e C. M. Judge (Usa)
Dal 13 al 21 Dicembre 2017

Vernissage: Mercoledì 13 Dicembre ore 18.30 – 21

Artiste: Ligia Bouton (Brasil) – Dagmar Kase (Estonia) – Laura García (México) – Susana Pilar Delahante Matienzo (Cuba) – Zuzanna Janin (Poland) – Vesna Bukovec (Slovenia) – Ayesha Sultana (Bangladesh) – Maria Papacharalambous (Cyprus) – Loes Heebink (Netherlands) – Véronique Sapin (France) – Amina ZOUBIR (ALGERIA) – Cagdas Kahriman (Turkey) – Patricija Gilyte (Lithuania) – C.M.Judge (USA) – Carolina Saquel (Chile) – Angelika Rinnhofer (Germany) – Alessandra Arnò (Italy) – Itziar Barrio (Spain) – Liang Wei (China) – Diana Yun (Kazakhstan) – Cecilia Vignolo (Uruguay) – Jelena Miskovic (Serbia) – Alena Kupcikova (Czech Republic) – Chantal du Pont (Québec – Canada)

L’hiver français prosegue con la seconda mostra dedicata al progetto FemLink-Art, piattaforma e collettivo di videoartiste con base francese che dal 2006 realizza videocollage ed esposizioni in spazi istituzionali e musei. La particolarità di questo progetto è l’invito da parte delle curatrici ad interpretare  diverse tematiche, invitando una artista per ogni paese, restituendo quindi una visione globale del tema. 

Statement:
Ventiquattro artiste di FemLink-Art sono state invitate a creare un video sul tema “Wonder”. Come per ogni nuovo tema che FemLink propone, le artiste sono completamente libere di interpretare il tema come desiderano. La loro unica istruzione è rispondere alla domanda, ‘Che cosa significa questo argomento per te?’.

“Wonder” presenta un riesame della parola e delle sue possibili interpretazioni da una prospettiva artistica che può rivelare o glorificare ciò che può sfuggire alla realtà. Quello che emerge dai 24 video del “collage”, è che il fatto meraviglioso non è meraviglioso in sé; piuttosto, è meraviglioso in quanto si riferisce al suo contesto reale.

I video ci propongono una “meraviglia” applicata a una realtà qualunque essa sia: la più ordinaria o la più breve vissuta.
Le artiste esplorano l’argomento con sfumature differenti. La prima è l’evocazione di elementi universali con processi semplici e senza pretese. (WE WATCH YOU – Susana Pilar Delahante Matienzo, ROUND TRIP, Cagdas Kahriman, BLUE, Liang Wei, WONDER, Cecilia Vignolo, VISAGES, Chantal du Pont)
Per alcune artiste, l’argomento “Wonder” mette in discussione il desiderio; è un atteggiamento, un comportamento e allo stesso tempo un pensiero (Sub-zero YOGASAN, Patricija Gilyte, DEEP WONDER, C.M.Judge, TRAVERSALS, Seema Nusrat).
Alcuni altre interpretano l’argomento, Wonder, come delizia e sorpresa come lo definì Platone; secondo questo autore, “essere stupito” è all’origine della filosofia (Théétète 155d). Artiste che sottolineano il rapporto tra la meraviglia e la vita sono (WONDER BODY, Ligia Bouton (Brasil), GROWING PAINS, Angelika Rinnhofer, CIRCLE, Alessandra Arnò).
Alcuni eventi reali sono trasformati dalla delizia degli stessi autori. (THE REASON FOR HOPE, Véronique Sapin, WONDER, Maria Papacharalambous)
C’è anche un certo modo di guardare e di glorificare la vita quotidiana, le cose semplici, (WONDER, Ayesha Sultana; ORCHESTRAL JOURNEYS, Alena Kupcikova; THE GOLDEN HOUR, Loes Heebink; UNTITLED (CUERO), Carolina Saquel).
“La meraviglia” nel collage video ci permette anche di chiederci nuovamente di riflettere su quali sono le domande inaspettate e inusuali, non divulgate dalle facoltà critiche e tuttavia essenziali (YOU CAN DO IT !, Vesna Bukovec; GAME / HOSPITAL OF TRANSFIGURATION, Zuzanna Janin; IN WHAT WORLD DO YOU WANT TO BE BORN? Amina ZOUBIR; ASIAN DIKE, Diana Yun; SKILIFT, Jelena Miskovic; INCENDIO GARUDA (A necessary death), Laura García; KALEIDOSCOPE OF THE REAL, Dagmar Kase; KRYPTONITE, Itziar Barrio).
Veronique Sapin

Opere in Mostra:

1 – WONDER BODY, Ligia Bouton (Brasil)
2 – KALEIDOSCOPE OF THE REAL, Dagmar Kase (Estonia)
3 – INCENDIO GARUDA (A necessary death), Laura García (Sibilademente) (México)
4 – WE WATCH YOU, Susana Pilar Delahante Matienzo (Cuba)
5 – GAME / HOSPITAL OF TRANSFIGURATION, Zuzanna Janin (Poland)
6 – YOU CAN DO IT !, Vesna Bukovec (Slovenia)
7 – WONDER, Ayesha Sultana (Bangladesh)
8 – WONDER, Maria Papacharalambous (Cyprus)
9 – THE GOLDEN HOUR, Loes Heebink (Netherlands)
10 – THE REASON FOR HOPE, Véronique Sapin (France)
11 – IN WHAT WORLD DO YOU WANT TO BE BORN?, Amina ZOUBIR (ALGERIA)
12 – ROUND TRIP, Cagdas Kahriman (Turkey)
13 – Sub-zero YOGASAN – vs. diseases of civilisation, Patricija Gilyte (Lithuania)
14 – DEEP WONDER, C.M.Judge (USA)
15 – UNTITLED (CUERO), Carolina Saquel (Chile)
16 – GROWING PAINS, Angelika Rinnhofer (Germany)
17 – CIRCLE, Alessandra Arnò (Italy)
18 – KRYPTONITE, Itziar Barrio (Spain)
19 – BLUE, Liang Wei (China)
20 – ASIAN DIKE, Diana Yun (Kazakhstan)
21 – WONDER, Cecilia Vignolo (Uruguay)
22 – SKILIFT, Jelena Miskovic (Serbia)
23 – ORCHESTRAL JOURNEYS, Alena Kupcikova (Czech Republic)
24 – VISAGES, Chantal du Pont (Québec – Canada)

Apertura al pubblico : Mercoledi e giovedi ore 18.30 – 20.30 o su appuntamento (info@dotbox.it – 3477813346)

FemLink-Art
FemLink-Art “Video – collage internazionale , ” è fondato da due artisti, Véronique Sapin (Francia) e CM Judge ( USA) nel marzo 2005. Il loro desiderio è di creare un collegamento tra le videoartiste di tutto il mondo attraverso le loro opere.
Femlink vuole raccogliere il grande potere della cultura e dell’arte per sostenere i valori umani , creare un dialogo , promuovere la pace e il riconoscimento degli altri. Vuole liberare il potere della cultura e dell’arte per reinventare la vita, e così facendo cercare di cambiare il mondo rendendolo più umano .
Femlink è un’associazione il cui nome sottolinea il collegamento tra gli artisti di sesso femminile in tutto il mondo, al di là della loro nazionalità e cultura . Il progetto video-collage parla a tutti coloro che sono convinti che un’opera d’arte , utilizzando la frase di Françoise Colin , dovrebbe ‘ dare un senso umano ‘ . Sia autonomamente che singolarmente , le opere di questo video collage sono eco del mondo, e offrono nuovi punti di vista e possibilità.

FemLink-Art = 149 women video-artists from 64 countries
10 topics = 10 videos-collages = more than 250 videos
Since 2006, the FemLink’s video-collages has been welcome by more than 130 Art-Centers, Museum, Galleries… from 43 countries.
Curators : Veronique Sapin and C. M. Judge

Videocollages: MALE /PREOCCUPATION / RESISTANCE /FRAGILITY /WONDER /AGGRESSION /VITAL /PROTEST /Portrait of a woman visual artist/FEMALE

www.femlink.org

 

Dal 2010 è il punto di rifermento per la videoarte a Milano e in Italia.
[.BOX] è un progetto di Visualcontainer Italian Videoart Platform

[.BOX] Videoart project space
Via F. Confalonieri 11
20124 Milano
www.dotbox.it
info@dotbox.it
Tel. +39 347 7813346